Per le donne e con le donne Per le donne e con le donne
Home Contatti Link
 
Le PARI OPPORTUNITA' della provincia di Arezzo
Assessorato
Pari Opportunità
Portale per Pari Opportunità
Apre il sito della Provincia di Arezzo in una nuova finestra Didonne.it - Clicca per tornare alla home page del sito
 
 
Apre il sito 1522 @rianna - antiviolenzadonna.it in una nuova paginaApre la pagina dedicata al numero verde 800 290 290 antitratta in una nuova finestra
Apre il sito dell'Unione Europea in una nuova finestraApre il sito del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali in una nuova finestraApre il sito della Regione Toscan in una nuova finestraaApre la sezione dedicata al Servizio Pari Opportunità della Provincia di Arezzo in una nuova finestra
ARTEL SpA - Arezzo Telematica

In Italia lesbiche, gay, bisessuali, transessuali e transgender (lgbt) non godono ancora di un pieno e reale diritto di cittadinanza e spesso vivono situazioni di discriminazione nei diversi ambiti della vita familiare, sociale e lavorativa a causa del perdurare di una cultura condizionata dai pregiudizi. Risulta pertanto importante l’azione delle Pubbliche Amministrazioni per promuovere, sul piano locale, politiche che sappiano rispondere ai bisogni delle persone lgbt, contribuendo a migliorarne la qualità della vita e creando un clima sociale di rispetto e di confronto libero da pregiudizi.
Per questo motivo il 30 maggio del 2013 è stata decisa da parte della Giunta provinciale l’adesione della Provincia di Arezzo e della Consigliera di Parità provinciale alla “RE.A.DY”, Rete Nazionale delle Pubbliche Amministrazioni Anti Discriminazioni per orientamento sessuale e identità di genere.
La rete RE.A.DY, si attiva per il riconoscimento dei diritti delle persone lgbt da parte del Governo centrale e contemporaneamente sostiene l’azione delle Pubbliche Amministrazioni nel promuovere sul piano locale politiche che sappiano rispondere ai bisogni delle persone lgbt, contribuendo alla costruzione di una cittadinanza piena e compiuta. Chi aderisce alla rete si impegna non solo a contrastare le discriminazioni, ma anche a promuovere una cultura dell’accoglienza e del rispetto reciproco in cui le differenze siano considerate una risorsa da valorizzare.
L’impulso alla promozione della rete è stato dato dal Comune di Torino e adesso vi partecipano circa cinquanta amministrazioni locali e regionali che si sono impegnate a sviluppare politiche antidiscriminatorie.
La delibera è stata votata all’unanimità e successivamente è stata sottoscritta la Carta d’Intenti firmata dal Presidente Roberto Vasai per dare all’ atto il giusto input all’ interno dell’ente coinvolgendo in questo modo ogni assessorato e ogni servizio. Altra firmataria della Carta d’Intenti è la Consigliera di Parità, che in virtù del ruolo assegnatole dalla legge è da sempre impegnata a riconoscere e contrastare stereotipi, rappresentazioni, pregiudizi e comportamenti orientati a determinare processi di esclusione e discriminazione nei confronti di chi non è inquadrabile nei modelli dominanti di identità di genere.
La Provincia di Arezzo e la Consigliera di Parità provinciale con l’adesione alla rete Re.A.DY e la sottoscrizione della Carta d’Intenti si mettono in rete per promuovere culture e politiche delle differenze e sviluppare azioni di contrasto alle discriminazioni basate sull'orientamento sessuale e sull'identità di genere.

La Provincia di Arezzo e la Consigliera provinciale di Parità sono partner della Rete RE.A.DY: Rete Nazionale delle Pubbliche Amministrazioni Anti Discriminazioni per orientamento sessuale e identità di genere clicca per avere informazione su come aderire alla Rete:
www.comune.torino.it/politichedigenere/lgbt/lgbt_reti/lgbt_ready

PORTALE NAZIONALE LGBT
Il “Portale Nazionale LGBT” è uno strumento previsto dalla Strategia Nazionale LGBT, in attuazione della Raccomandazione del Comitato dei Ministri CM/REC (2010)5 e vuole promuovere una maggiore conoscenza della dimensione LGBT per contrastare ogni forma di discriminazione basata sull’orientamento sessuale e l’identità di genere.
Attraverso i contributi di Studiosi afferenti a diverse discipline, la collezione di dati normativi, giurisprudenziali e di prassi amministrative, la raccolta di materiale utilizzato in strategie di divulgazione e di comunicazione, vuole essere uno spazio aperto ad una discussione condivisa su tematiche che riguardano i diritti e le libertà di molte persone, la loro identità ed il modo di svolgere le loro relazioni e di declinare le proprie affettività.
Proprio per questo il Portale non si fa portavoce di un orientamento culturale di settore né di una scelta politica o istituzionale predeterminata. Vuole invece essere e rimanere uno strumento plurale e pluralistico, nella convinzione che il contributo ed il confronto delle idee di tutti, rappresenti il migliore strumento per far maturare consapevolezza e contrastare ogni forma di odiosa discriminazione.
E’ in quest’ottica che l’ U.N.A.R., affidando la creazione e l’organizzazione del Portale all’ Amministrazione Comunale di Torino, si è potuto avvalere delle esperienze e delle professionalità della rete READY e di un Gruppo Nazionale di Lavoro, composto da esperti e da rappresentanti di 29 Associazioni LGBT, costituito dall’ U.N.A.R. con decreto direttoriale n. 250 del 20 novembre 2012.
L’autonomia e la validità informativa di quanto contenuto nel sito sono garantite da un Comitato Scientifico composto da Alte Personalità appartenenti ai diversi campi del sapere
Buona navigazione!
http://www.portalenazionalelgbt.it/

Nell'ambito del Progetto realizzato grazie al finanziamento della Legge Regionale n. 63 del 15 novembre 2004 “Norme contro le discriminazioni determinate dall’orientamento sessuale o dall’identità di genere” Rete R.E.A.D.Y. “Rete nazionale delle Pubbliche Amministrazioni Anti-Discriminazioni la Provincia di Arezzo Servizio Pari Opportunità Controllo Fenomeni Discriminatori e la Consigliera provinciale di Parità hanno inteso pianificare, coordinare ed integrare le azioni di contrasto al fenomeno delle discriminazioni “determinate dall’orientamento sessuale o dall’identità di genere” attraverso diverse tipologie di intervento che hanno visto la realizzazione di incontri formativi e di sensibilizzazione rivolti a soggetti diversi.
  • Formazione per Avvocati ed Operatori:
    Convegno “Tutela e falsi miti: la realtà dei diritti della persona LGBTI” Organizzato dal Centro Pari Opportunità provinciale e l'associazione Chimera Arcobaleno nell'ambito dei progetti relativi alla rete READY, con la collaborazione di Rete Lenford - Avvocatura per i diritti LGBT e il patrocinio di Regione Toscana e Provincia di Arezzo. Il convegno è aperto a tutta la cittadinanza e può esser occasione di formazione e conoscenza per professionalità quali insegnanti, educatori, psicologi, ma anche studenti, operatori del mondo del volontariato e chiunque fosse interessato/a.
    "Libertà è PartecipAZIONE” è il titolo dell’iniziativa di formazione - che si è tenuta in data 25 settembre - rivolta ad operatori, volontari e attivisti del mondo associativo sulle tematiche LGBTI . Nel corso della giornata, condotta da Giuliano Foca, si sono affrontati i temi legati al concetto di identità personale, orientamento sessuale e identità di genere, il valore della relazione e la creazione di una comunità accogliente.

    Eventi di sensibilizzazione per la non discriminazione nel mondo del lavoro nei confronti delle persone LGBTIQ:


    Realizzazione percorso di informazione e sensibilizzazione sulle tematiche LGBTIQ destinato a dipendenti dei partner regionali della rete R.E.A.D.Y.:
    Percorso di informazione e sensibilizzazione – rivolto a dipendenti dei partner regionali della Rete READY - di n. 4 incontri di 6 ore ciascuno a cadenza settimanale. vPer i temi da trattare si è partiti dai principi per una reale alfabetizzazione sulle questioni LGBTI fino alle ultime teorie di genere e ad una nuova visione dei diritti. Il 28 Novembre, a conclusione dell’intero percorso, è stata realizzato presso la Regione Toscana, alla presenza della Senatrice Monica Cirinnà, un momento di confronto e condivisione delle esperienze sul territorio all’interno dei percorsi organizzati.
Realizzazione percorso informativo e di aggiornamento nelle scuole rivolto ai docenti degli Istituti Comprensivi (Scuola Primaria e Scuola Secondaria di I grado) sulle tematiche LGBTIQ – Progetto integrato sugli stereotipi di genere condotto nelle scuole. Realizzazione di un corso di aggiornamento rivolto ai docenti di 5 Istituti Comprensivi del territorio provinciale per un totale di circa 80 insegnanti con incontri a cadenza settimanale di 4,5 ore ciascuno. Gli incontri si sono svolti con metodologie innovative che hanno comunque visto sia lezione frontali con presentazione di slides, presentazione di materiali multimediali e discussioni plenarie. La finalità di questo percorso è stato quello di realizzare una ricaduta diretta sugli studenti attraverso l’aggiornamento dei loro docenti e l’utilizzo di strumenti relazionali innovativi.
Centro Pari Opportunità Piazzetta delle Logge del Grano - 52100 Arezzo Tel. 0575.30181 - fax 0575.324803 E-mail:sandra@didonne.it