Per le donne e con le donne Per le donne e con le donne
Home Contatti Link
 
Le PARI OPPORTUNITA' della provincia di Arezzo
Assessorato
Pari Opportunità
Portale per Pari Opportunità
Apre il sito della Provincia di Arezzo in una nuova finestra Didonne.it - Clicca per tornare alla home page del sito
 
 
Apre il sito 1522 @rianna - antiviolenzadonna.it in una nuova paginaApre la pagina dedicata al numero verde 800 290 290 antitratta in una nuova finestra
Apre il sito dell'Unione Europea in una nuova finestraApre il sito del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali in una nuova finestraApre il sito della Regione Toscan in una nuova finestraaApre la sezione dedicata al Servizio Pari Opportunità della Provincia di Arezzo in una nuova finestra
ARTEL SpA - Arezzo Telematica

IL MINISTRO CARFAGNA AL SUMMIT DELL’UGUAGLIANZA: "CONCILIAZIONE È IL MODELLO A CUI MI ISPIRO"

Il Ministro per le Pari opportunità, Mara Carfagna,  intervenuta a Parigi al secondo Summit dell'Uguaglianza che si è concluso ieri,  ha annunciato che, nelle prossime settimane, sottoporrà all'esame del governo e del Parlamento un grande piano per la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro delle donne sulla linea delle politiche adottate negli ultimi anni in Francia, definita "il modello al quale mi ispiro".
Carfagna - sottolinea una nota del Dipartimento che riporta le linee essenziali dell'intervento del Ministro -  ha poi attribuito all'assenza di "strumenti di conciliazione" tra vita familiare e professionale delle donne il basso tasso di natalità e di lavoro femminile in Italia, e ribadito la sua volontà di introdurre in Italia "quelle misure che, in Francia, hanno permesso alle donne di dire un doppio sì': sì alla maternità, sì al lavoro".
Carfagna ha aggiunto di voler importare alcuni provvedimenti già adottati in Francia e che il ministro del Lavoro, delle relazioni sociali, della famiglia e della solidarietà Xavier Bertrand "si e' detto disponibile a venire a Roma e a confrontarsi con noi sulle problematiche della conciliazione e sugli strumenti" per realizzarla.
A questo proposito, il Ministro ha annunciato che "è allo studio del ministero la presentazione di una grande legge quadro sulla conciliazione" tra lavoro e famiglia, che possa da un lato favorire l'occupazione femminile", poiché è su questo terreno che esistono oggi "le discriminazioni più inaccettabili in Italia sul mercato del lavoro: disparità salariale e disparità occupazionale. Le donne sono occupate meno degli uomini e, a parità di mansioni, sono ancora pagare meno degli uomini". Il Ministro ha sottolineato a questo proposito come l'occupazione delle donne "abbia un effetto benefico sulla produzione di ricchezza del Paese", ragion per cui costituisce "un investimento sul futuro economico del paese". Sono per questo già  state avviate "le discussioni con il Ministero del Lavoro, con  il Sottosegretario alla Famiglia e con il Ministero dell'Economia", ha annunciato Carfagna.
Durante una tavola rotonda insieme alle colleghe lussemburghese Marie-Josee Jacobs, spagnola Bibiana Aido, greca Sophia Kalantzakos e francesi Christine Boutin e Valerie Letard, il Ministro ha poi esposto le misure adottate dall'Italia per rendere effettiva la parità e l'assenza di discriminazioni garantiti dalla Costituzione. In particolare la creazione del Codice per le pari opportunità (nel 2006), che contiene "undici leggi e 59 articoli, che riguardano la promozione di azioni per promuovere e garantire l'uguaglianza e le pari opportunità in diversi settori della politica e del sociale". Il Ministro ha anche ricordato la creazione (lo stesso anno) dell'Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali, e descritto le misure da lei proposte e già adottate o in corso di discussione.
Ispirate alla volontà di "restituire alle donne sicurezza, dignità e libertà", di "garantire, tutelare e promuovere i diritti dei minori" e di "liberare le donne dalle nuove forme di schiavitù", le misure comprendono, ha elencato il Ministro, la creazione del reato di "stalking", le molestie insistenti e gli atti persecutori rivolti nella maggior parte dei casi a donne; l'inasprimento delle pene per i reati a sfondo sessuale; la creazione del Garante per l'infanzia e l'adolescenza e le misure contro la prostituzione.
A proposito dei rom, il Ministro ha affermato che "la questione dei rom in Italia è stata sicuramente veicolata in maniera distorta: noi abbiamo intenzione di integrare i rom. E' una delle grandi sfide che attende l'Europa e quindi anche l'Italia". "Per integrare i rom, bisogna prima sapere quanti sono", ha affermato Carfagna, ribadendo quindi la necessità del censimento avviato dal governo, ricordando che la Commissione europea lo ha considerato "non discriminatorio", e che il censimento punta a "tutelare i bambini, che magari sono spinti all'accattonaggio e alla commissione di reati" e "consentire che questi bambini frequentino le scuole, al pari degli altri bambini italiani".
Sulla possibilità, garantita in diversi Paesi europei, di contrarre matrimonio tra persone delle stesso sesso, Carfagna ha ribadito di essere contraria: "Credo che la famiglia sia quella fondata sull'unione tra un uomo e una donna, con l'obiettivo di garantire l'ordine delle generazioni e la prosecuzione della specie".
"Sono invece d'accordo", ha aggiunto, "per garantire gli stessi diritti alle persone omosessuali che decidono di vivere insieme. Non c'è nessuna intenzione da parte mia e del governo di discriminarli", ha detto, aggiungendo che il suo ministero ha allo studio "una norma che possa prevedere aggravanti nel caso in cui si commettano atti di violenza soltanto allo scopo di discriminare una persona per il suo orientamento sessuale. Il matrimonio è un'altra cosa, ma c'è l'intenzione nel governo di garantire agli omosessuali quei diritti che non sono ancora garantiti, come quello di subentrare nel contratto di locazione, di andare a trovare il partner in ospedale e in carcere".

www.italianetwork.it






07 ottobre 2008

Centro Pari Opportunità Piazzetta delle Logge del Grano - 52100 Arezzo Tel. 0575.30181 - fax 0575.324803 E-mail:sandra@didonne.it